Hogan Luisa Via Roma

Immaginate cosa avr potuto pensare il capo dello Stato di fronte ai ruvidi toni di Salvini a favore di Putin, Assad e contro un sistema di relazioni internazionali consolidato in cinquant’anni. Su Di Maio il discorso diverso: gli viene dato atto di aver assunto una posizione pi responsabile, gi al primo giro di colloqui, quando si presentato rassicurando l’Europa e ponendosi sotto l’ombrello della Nato. Ora pare che il dialogo tra i due partiti stia facendo significativi passi in avanti, con la proposta di “tavoli” comuni propedeutici alla formazione di un governo.

“Sono un’imprenditrice che lavora in questa piana ha preso la parola una signora e posso garantirvi che gli imprenditori qui di tutto hanno bisogno, ma non certo della nuova pista di Peretola. Semmai si pensasse alla Perfetti Ricasoli o alla Signa Prato, progetti naufragati. Di questo abbiamo bisogno”.

Con la Paris Fashion Week a chiudere il mese delle sfilateautunno inverno 2018/2019, è ora di fare il punto sui brand più apprezzati dalle star del jet set internazionale. E se tante scelgono lo stile Made in Italy suii red carpet più importanti (guarda “Made in Italy. Chi sono gli stilisti che vestono le star”), c’è spazio ancheper lamodaparigina e i suoi protagonisti.

Ottenne il brevetto di aviatore e partecip ad azioni dimostrative, non tutte di successo. Nel gennaio del 1916, durante un atterraggio di emergenza, sbatt violentemente la tempia contro il calcio della mitragliatrice di bordo. La ferita, non curata, gli fece perdere l destro.

Lo scorso anno, ad esempio, fra il Piccolo Diavolo sempre in testa e l pi vicino nel ranking (Lorenzo) le lunghezze di differenza erano 48. Il Doc, terzo e comunque in lotta per il mondiale, inseguiva a 59 punti: pi o meno la stessa differenza che oggi c tra Marc e Petrucci, 8 “Ma la cosa pi incredibile che ogni domenica non sai mai cosa pu accadere. Su di un circuito va forte la Yamaha, ma le moto degli altri sono in crisi.

Fu eretta per il dio Harmakhis, ma la popolarit del culto fin presto, e la Sfinge fu lasciata incustodita, sepolta sotto le sabbie mobili, con solo la testa visibile. Nel corso dei secoli, diversi attacchi l’hanno danneggiata distruggendole il naso. E dove non sono arrivati i vandali, si spinta l’erosione: il calcestruzzo usato dagli egiziani si stava sgretolando, mettendo in pericolo l’intera struttura e per questo nel tempo stato sostituito.

L non affatto un tema centrale del film, ma quando Adrian Cronauer cerca di avvicinare Trinh, la ragazza vietnamita per la quale prova qualcosa, nonostante lei gli faccia notare solo la difficolt se non proprio l di una loro relazione in quanto “diversi”, ecco che si consumano due dei dialoghi pi belli di tutto il film. Uno quello che precede la partenza di Cronauer, l questo: “Io accetto quello che mi puoi dare perch anche solo stare con te mi rende felice. Ti va di vedere un film?”..

Lascia un commento