Hogan Maxi H222 Scontate

Sabato scorso Serena Dandini ha presentato la conferenza stampa che la Convenzione No More! contro la violenza sulle donne ha fatto a Roma, alla Casa Internazionale delle donne, incontrando le cadidate che hanno firmato la Convenzione: una piattafroma contro il femminicidio che, come dice Dandini, “noi dobbiamo spingere con le unghie e coi denti perché qui lo scopo è fare un patto di sangue”, affinché chi va in Parlamento si ricordi di lavorare su ciò che ha sottoscritto una volta entrata nella stanza dei bottoni. Laura Puppato (Pd) nell’incontro ha confermato il suo impegno per far applicare le leggi che già ci sono in quanto il femminicidio “deve essere una priorità”, mentre Valeria Fedeli (Pd), ha sottolineato la natura collettiva di No More! “che ha saputo mettere insieme le donne su un terreno comune mettendo a lato le differenze”. Rosa Calipari (Pd), una delle prime firmatarie di No More!, ha ricordato che “gli uomini dicono sempre che è scontato che loro sono contro la violenza sulle donne”, anche se poi (dico io) si dimenticano di parlarne ad alta voce in campagna elettorale.

Michela Di Biase, Valeria Baglio, Ilaria Piccolo, Giulia Tempesta e quella della Lista Civica, Svetlana Celli, spiegano che il manifesto “offende la scelta delle donne di abortire, una scelta, sempre sofferta e dolorosa, garantita dalla legge 194 che a maggio compirà 40 anni. Si tratta di immagini che offendono la sensibilità anche di tutte le persone che hanno subito la fine di una gravidanza per i motivi più diversi”. La senatrice Pd Monica Cirinnà, invece, su twitter lancia l’hashtag rimozionesubito.

Le fake news legate al maltempo non hanno interessato solo Roma. Anche il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris ha dovuto smentire una notizia falsa sulla chiusura delle scuole nel capoluogo campano a causa del maltempo. ” una fake news quella che gira su alcuni social e che riferisce di una chiusura delle scuole disposta per due giorni dal Sindaco di Napoli Luigi de Magistris di cui si imita il profilo.

E se le storie immaginate, inventate e salvate nei file dei computer sono ora in mani sconosciute, beh la fantasia che quelle storie l’ha creata è salva, tutta dei bambini: Hanno rubato le nostre storie nei computer, ma non la nostra fantasia. Con i computer i ladri si sono portati via anche la tabella della felicità: la elaborano ogni mattina i bambini, nel lavoro di gruppo, quando riflettono sull’operato della classe, sull’obbiettivo raggiunto. la tabelle del cuori e della faccine: L’abbiamo chiamata spiega la maestra Roberta la tabella “Felici insieme”.

Lascia un commento