Hogan Negozi Italia

Una nuova teoria suggerisce che esso sia un effetto del cambiamento di alimentazione che interess il genere umano a partire da 2 milioni di anni fa. La cottura dei cibi avrebbe reso pi semplice la masticazione, eliminando la necessit di grossi denti e mascelle prominenti. Il mento sarebbe nato di conseguenza a un assottigliamento della mandibola inferiore..

Completamente privo di impianti tecnici, lo spazio si presentava come un unico ambiente a doppia altezza, con solo due qualità: le grandi finestre affacciate su corte e il soffitto con stucchi ottocenteschi. La possibilità di trasformarlo in chiave domestica è stata immediatamente colta dai progettisti, che hanno saputo valorizzare l’ambiente con soluzioni progettuali alternative. É stata mantenuta una distribuzione dei percorsi che favorisce la comunicazione diretta tra le diverse funzioni animando l’ambiente per parti con ribassamenti e rialzi, senza interferire con il soffitto decorato.

Il contributo, attraverso la discussione di alcuni casi di studio, prova ad esemplificaregli approcci del Laboratorio di Archeologia e Storia Ambientale (Dafist Distav dell’Università di Genova allo studio delle aree rurali, insediate e non insediate. Oggetto principale delle ricerche è il tentativo di ricostruire, con un approccio analitico fortemente contestuale, le pratiche storiche di gestione e attivazione delle risorse ambientali (e le pratiche e i saperi naturalistici locali legati a tali pratiche) a partire dal riconoscimento delle loro tracce archeologico ambientali e attraverso gli apporti dell’archeologia, dell’archeobotanica, dell’ecologia storica e della ricerca documentaria. Gli esempi si concentrano su alcune tracce, riferibili per lo più a pratiche multiple di gestione delle risorse agro silvo pastorali (praterie alberate e boschi pascolati, agricoltura temporanea e uso del fuoco, colture permanenti eattività di pascolo), studiate in diverse aree dell’Appennino Ligure e riferibili a cronologie per lo più medievali e postmedievali..

Due to the integration of the plugin Facebook collects the information that a user is visiting the corresponding website. If the user is logged in on Facebook at the moment he or she visits the website, Facebook may be able to connect the visit on the website to the user’s Facebook account. If the user interacts with the plugin for example if he or she presses the like button or comments on something the user’s browser transmits this information to Facebook.

Lascia un commento