Negozio Hogan Napoli Via Filangieri

Caro Gianmarco, La sua lettera ha il merito di sottrarre la discussione più accesa della settimana alla contingenza delle vicende sportive, e di farci guardare a un grande del nostro recente passato, appunto Walter Bonatti. Ho letto i suoi libri, l molto ammirato, e sono stato felice di intervistarlo. Forse proprio per questo le confesso che mi attendevo da lui qualcosa in più.

Oggi, il data journalism, ovvero l la correlazione e la manipolazione di grandi serie di dati con strumenti mutuati dalla statistica e dall’informatica è una delle frontiere più interessanti del giornalismo d e civico. In Usa e in Gran Bretagna molti media nazionali si sono già dotati di strutture specializzate nel trattamento dei dati. Basti ricordare il caso di ProPublica, il sito americano di informazione che produce e finanzia giornalismo d’inchiesta nell’interesse pubblico, che fa del data journalism uno dei suoi principali strumenti di indagine..

Aperto nel settembre del 2011, il punto vendita Chicco di via Dante ha un layout innovativo, con spazi e percorsi guidati creati per le esigenze di divertimento e acquisto di grandi e piccini. Una segnaletica per colori e icone di facile lettura dedicate ai vari settori dello store benessere, sonno, gioco, abbigliamento orientano la scelta. Tra gli articoli in vendita tutine, pantaloni, magliette, vestiti, scarpine con un buon rapporto qualità prezzo e prodotti di vario genere come il passeggino con seduta girevole a 360 (999 euro), la palestra trasportabile (89,90 euro), il biberon con tettarelle evolutive (9,50 euro) e il robot da cucina (299 euro).

Rotolo di carta igienica sottilissima, lungo 8,5 chilometri. Una scelta fatta non a caso, perch la forza necessaria per piegare un foglio a met aumenta col crescere dello spessore (al quadrato) e col diminuire della lunghezza. Il risultato? A ogni la forza richiesta diventa circa 8 volte pi grande.

Il suo approccio al design? Comincio con una pagina vuotae inizio a fare disegni. Nulla è per sempre. Nelle grandisale del centro ogni traccia conquista un suo spazio, sia essa una sculturaasiatica, una ceramica africana, due scarpe che una volta erano delcoreografo Balanchine, una sedia di Gerrit Rietveld, una, dieci, cento sediedisegnate da Robert Wilson, libri, fotografie, film e altri documenti.

Da anni in atto, in salone, una vera e propria rivoluzione. Un movimento sempre pi diffuso e capillare che, qualunque siano le tendenze capelli del momento, risponde ad un unico motto: personalizzazione. Ogni trend, infatti, studiato e calibrato in base alle esigenze di ogni donna.

Lascia un commento